industria-4.0.original.x

COS’E’ L’INDUSTRIA 4.0 ?

L’audizione alla camera del ministro Carlo Calenda effettuata il 15 Giugno 2016 illustra le linee guida dell’Industria 4.0  che tocca tutti i processi dell’azienda non solo quelli produttivi ma anche vendita, strategia e posizionamento.  In particolare vengono identificati 4 aree di intervento.

1. L’Innovazione del modello di business

“Molte aziende vedono la digitalizzazione soprattutto come un modo per aumentare l’efficienza dei processi secondo una vecchia logica di innovazione meramente incrementale. Va invece aumentata la consapevolezza che l’economia digitale promette un potenziale nuovo e finora non sfruttato in grado di mutare in modo anche profondo, persino disruptive, gli stessi modelli di business. Per cogliere le opportunità, le imprese devono diventare digitalmente più mature: molto del loro vantaggio competitivo nascosto risiede nei dati che sono potenzialmente a loro disposizione ma che molto raramente vengono raccolti, organizzati, elaborati per estrarne valore. Si stima che appena l’1% dei dati prodotti dalle imprese venga da esse utilizzato. In ultima istanza si tratta di ripensare il business model delle aziende con la chiave abilitante del digitale.”

2. Nuovi modalità di conversazione con il consumatore

“Da Industria 4.0 deriveranno innovazioni non solo tecnologiche, ma anche e soprattutto organizzative e di approccio al cliente e ai mercati.”

“La supply chain si accorcia e si sincronizza migliorando il time to market e la capacità di rispondere, persino di anticipare i gusti dei clienti, consentendo la produzione in scala anche per piccolissimi lotti (mass customization)”

3. Innovazione dei processi produttivi

“Con l’introduzione dei concetti di “internet delle cose e delle macchine” e lo spostamento verso Industria 4.0 sarà possibile gestire reti globali che incorporano e integrano macchinari, sistemi di logistica e strutture produttive, sotto forma di Cyber Physical System for Production (CPS). Ovvero sistemi intelligenti che, integrando tecnologie cibernetiche, consentono un’interazione immediata e flessibile con gli elementi della realtà fisica in cui sono immersi. Attraverso i CPS sarà possibile sviluppare una nuova “automazione produttiva modulare” dove i sistemi di controllo saranno composti da elementi più intelligenti, capaci di adattarsi in tempo reale al contesto, in un sistema dove il robot sia integrato con la forza lavoro umana in modo completo e sicuro, dando vita a processi produttivi ancora più snelli ed efficienti. L’ambito di applicazione di Industria 4.0 travalica la singola impresa: vengono interconnesse e digitalizzate intere catene del valore, creando una forte integrazione delle catene di fornitura e subfornitura.”

4. Trasformare i BIG DATA in un’opportunità

“l’elaborazione e l’analisi di quantità enormi di dati a costi sempre più bassi (sensoristica a basso costo e cloud computing) permette decisioni e previsioni migliori su produzione e consumi e lo sviluppo di sistemi produttivi on demand con capacità di risposte personalizzate e immediate al consumatore.”

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE E’ PER TUTTI

Tutte le aziende italiane sono coinvolte nella nuova rivoluzione industriale e il governo prevede molte misure finanziarie per rilanciare l’economia. Anche il lancio di nuove imprese connesse a corporate già esistenti è un’aspetto importante.

Ogni settore è coinvolto e c’è una precisa focalizzazione sulle PMI

“I settori che per primi saranno toccati dalle evoluzioni in chiave Industria 4.0 saranno quelli dei macchinari e dell’automazione industriale, la componentistica e in particolare la componentistica nell’automotive, nell’aeronautica e nella cantieristica, il settore dell’elettronica e degli apparati elettrici, la logistica. Tuttavia, come già ricordato, i settings applicativi delle tecnologie abilitanti l’Industria 4.0 scavalcheranno la mera manifattura per toccare l’agricoltura, i servizi, la logistica, la mobilità, la salute, l’intrattenimento, gli stili di vita.”

“Le sollecitazioni derivanti dalla digitalizzazione del manifatturiero costituiscono un’occasione per rilanciare la competitività della nostra industria, a cominciare da quella parte organizzata in filiere produttive basate sull’agilità e sul dinamismo delle PMI.”

L’Industria 4.0 e le Startup

“Occorre sviluppare la nuova imprenditorialità innovativa in una logica di neutralità settoriale, la nascita di startup il loro scale up, l’accesso al venture capital e la collaborazione fra nuove imprese innovative e imprese già consolidate.”

Strumenti finanziari a supporto dell’Industria 4.0

“Molti sforzi sono stati fatti dal Governo per incrementare gli investimenti in innovazione, pensiamo ad esempio alla legge Sabatini, al Super Ammortamento, al Credito d’Imposta R&S, al Patent Box. Occorre adesso continuare su questa strada, concentrando le risorse sulle misure che hanno avuto più successo, indirizzando gli strumenti di incentivazione verso le tecnologie abilitanti Industria 4.0.”