Neosperience e Innovation Club sponsorizzano l’iniziativa Health&Wealth dell’Università di Brescia in modo particolare con un contributo al progetto MOTUS.

L’eccellenza dell’Università degli Studi di Brescia si fonda sull’innovazione, sul progresso e sull’integrazione dei saperi, che vanno dall’ambito socio-culturale a quello della salute e della medicina, a quello giuridico, economico ed ingegneristico.
Si tratta di un Ateneo all’avanguardia, aperto alla società in un’ottica di condivisione del sapere e si propone oggi in modo originale come Università tematica. In questo contesto il nuovo progetto Health&Wealth è moderno, ambizioso, legato ad un Campus universitario dove giovani talenti si possono confrontare unendo il loro sapere e l’entusiasmo per dar vita a idee nuove; un Campus di vivace scambio culturale, di ricerca e di condivisione, sempre più orientato al panorama internazionale, grazie al suo know-how di alto livello che lo rende un esempio unico nel panorama nazionale.

Il tema Health&Wealth pone al centro dell’azione lo “sviluppo integrato tematico”, cioè la capacità di valorizzare i risultati della ricerca e della nuova conoscenza al fine di ottenere ricadute verso lo sviluppo e la competitività, la prevenzione e la cura, la sicurezza e la qualità e puntare a diventare attrattivi verso persone, imprese e capitali sia italiani, sia stranieri. Lo sviluppo integrato tematico si focalizza su grandi aree di interesse di Health&Wealth e si propone di realizzare più progetti che, mettendo a sistema risultati della ricerca, riescano a raggiungere la società. I temi caratterizzanti sono:

  • Longevità
  • Ambiente
  • Stili di Vita
  • Tecnologie per la Salute e il Benessere

I temi saranno declinati come ambiti di azione che, nella loro autonomia disciplinare e applicativa, dovranno concorrere allo stesso obiettivo che è comunque la sperimentazione di modelli di  sviluppo basati sulla ricerca e la nuova conoscenza.  In tal senso l’Università degli Studi di Brescia è il motore dell’iniziativa e ne sarà il regista dovendo comunque prevedere un’ampia partecipazione di altri partner sia locali che nazionali e stranieri. Di fatto si tratta di sperimentare un nuovo modello comunitario che poggia la propria forza nella caratterizzazione tematica (da qui l’esigenza che l’Università per prima declinasse in chiave tematica la propria missione) e proprio grazie al tema identitario diventi leader nazionale e centro di attrazione di investimenti in termini finanziari, di persone e di imprese.