La pratica dello sport e il regolare svolgimento dell’attività fisica sono elementi essenziali di uno stile vita sano, per le persone di ogni età ed estrazione. Non a caso, la promozione dello sport è tra gli obiettivi di molte importanti iniziative. È ampiamente riconosciuto che l’attività sportiva è uno strumento potente per migliorare la qualità della vita. L’industria dello sport, inoltre, rappresenta una parte significativa dell’economia globale. Per quanto riguarda gli Usa, le statistiche dicono che nel 2014 questo settore ha dato lavoro a oltre 1,5 milioni di persone, pari circa all’1% del totale degli occupati. A livello mondiale, il giro d’affari complessivo dell’industria dello sport nel 2014 è stato stimato in 700 miliardi di dollari, pari circa all’1% del Pil globale. Nei prossimi cinque-dieci anni, i dispositivi indossabili per lo sport e il fitness contribuiranno in modo significativo al fatturato dell’industria dello sport: secondo le previsioni, infatti, il fatturato generato da questi prodotti crescerà ad un tasso annuo composto del 103%, raggiungendo nel 2020 a livello mondiale un giro d’affari di 9,4 miliardi di dollari. I dispositivi indossabili offrono molti benefici agli atleti professionisti, agli sportivi dilettanti e a coloro che svolgono attività di fitness. Consentono infatti di migliorare la sicurezza nel corso delle gare, di prevenire gli infortuni in allenamento, di monitorare le condizioni fisiche e le prestazioni. Nel golf, ad esempio, oggi è molto diffuso l’impiego degli orologi da polso con Gps per migliorare l’esecuzione dello “swing” nel corso delle sessioni di prova. I dispositivi indossabili, inoltre, favoriscono la regolarità dell’attività fisica: chi li utilizza riferisce infatti che questi prodotti contribuiscono a stimolare l’esecuzione regolare degli esercizi. I dati di mercato evidenziano che quasi il 77% dei possessori di dispositivi indossabili per il fitness è costituito dalla “generazione mobile” di età compresa tra 18 e 54 anni. Questa fascia della popolazione ha adottato con convinzione gli indossabili per lo sport, facendone parte integrante della propria vita quotidiana. Oltre ai benefici per gli atleti e i cultori del fitness, la tecnologia possiede il potenziale per rendere più coinvolgente l’esperienza degli appassionati che seguono lo sport come spettatori. Utilizzando sensori wireless incorporati negli equipaggiamenti o nelle divise degli atleti, gli spettatori potranno infatti conoscere in tempo reale i dati che descrivono i movimenti del giocatore e le statistiche delle sue prestazioni, quali accelerazione e velocità massima. Con il contributo di elaborazioni analitiche e della grafica, questa tecnologia potrà cambiare drasticamente le dirette televisive dei grandi eventi sportivi. Considerando i benefici sociali, sanitari ed economici ottenibili dall’attività fisica e sportiva, il tema scelto per la sessione di Isocc dedicata alle tecnologie per lo sport appare indubbiamente molto attuale. Il successo dei dispositivi indossabili nello sport presuppone innovazioni nel campo dei System-on-Chip, per quanto riguarda l’elaborazione basata su microprocessore, la gestione dell’alimentazione, la fusione dei segnali di più sensori e la connettività dei dispositivi.

Lo scenario applicativo
Lo scenario applicativo degli indossabili per lo sport ed il fitness comprende dispositivi da polso, equipaggiamenti sportivi dotati di sensori incorporati, indumenti intelligenti che includono circuiti elettronici all’interno del tessuto o stampati su di esso. Gli indossabili da polso riscuotono il più alto livello di interesse da parte dei consumatori; esempi di questa categoria di dispositivi sono le ‘fitness band’ e gli orologi Gps per il golf – Negli Usa, la National Football League sta valutando l’adozione di equipaggiamenti – in particolare i paraspalle dei giocatori – dotati di sensori incorporati di tipo Rfid. Il sistema raccoglie in tempo reale dati sui movimenti del giocatore e statistiche sulle sue prestazioni. Questo è anche un esempio pratico di “edge analytics” applicata a Internet of Things, poiché l’elaborazione è svolta nei pressi della fonte dei dati anziché in un nodo centralizzato nel cloud. Gli indumenti intelligenti dimostrano le possibilità utilizzabili nell’ingegneria tessile: questi indumenti incorporano nella trama del tessuto delle fibre speciali che consentono di trasmettere i parametri vitali dell’utilizzatore ad un’unità centrale di elaborazione. In alternativa è possibile utilizzare ‘inchiostro elettronico’ per stampare un circuito sull’indumento, collegando così i sensori dislocati sul corpo ad un’unità di elaborazione centrale. Questi interessanti sviluppi applicativi riguardanti il rilevamento dei parametri fisiologici, il monitoraggio dei movimenti del corpo e l’uso della edge analytics sono resi possibili dai progressi tecnologici.

<< Clicca qui e iscriviti al Club >>
2018-11-28T12:35:59+00:00settembre 28th, 2016|
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie policy. Leggi di più Accetto